Bugatti Automobili








Sono passati più di 20 anni da quando la Bugatti Automobili si svuotò, lasciando vuoti e desolati uffici e capannoni dello stabilimento di Campogalliano in provincia di Modena.
Rimase un sogno poter dar vita alla motor valley Italiana e alla grande casa automobilistica fondata nel 1909 da Ettore Bugatti.
Fu infatti che dal 1987 al 1995 l'imprenditore Romano Artioli acquistò il marchio francese, caduto nell'oblio e a fondare l'importante complesso produttivo di Campogalliano, nella speranza di tornare a produrre automobili tecnologiche e sportive.
Purtroppo il sogno, le speranze e i sacrifici di Romano Artioli e di tutte le persone che lavoravano e credevano nella Bugatti venne infranto nel 1995, con il fallimento dell'azienda.
Fu il Gruppo Wolkswagen a rilevare il marchio e a spostare la produzione alla Bugatti di Molsheim, in Francia, sede storica della casa automobilistica fondata da Ettore Bugatti.
Lo stabilimento non venne smantellato, ne ceduto ad altre imprese, ma conservato, così come quando venne chiuso nel 1995, fermando il tempo e i ricordi.
La speranza è quella di vedere lo stabilimento in funzione o trasformato in museo.





Rai 3 “Custode".

"Bugatti. Custode del mito".



Per visitare l'impianto è possibile prenotare visite guidate contattando il sig. Ezio Pavesi 
(custode Bugatti dal 1990) al numero 338.93.13.173

Ex manicomio di Vercelli








L'eccidio del manicomio di Vercelli fu l'esecuzione sommaria ad opera di alcuni partigiani di un gruppo di militi della Repubblica Sociale Italiana prelevati dallo stadio di Novara, allora adibito a campo di prigionia. Secondo le diverse fonti, i militi uccisi furono tra cinquantuno e sessantacinque.
L'eccidio ebbe luogo tra il 12 e il 13 maggio 1945. La memoria dell'evento fu per decenni tramandata quasi unicamente dai reduci della Repubblica Sociale Italiana.
Solo in anni più recenti è stato ripreso il tema, ricostruito in modo sufficientemente esauriente, pur differendo in alcuni particolari a seconda delle fonti.

80° Gruppo I.T.








"La Squadriglia I.T fu costituita nel 1959 sull'Aeroporto di Padova con il personale della 3^ Squadriglia rientrato da Fort Bliss (U.S.A.), e nel Maggio del 1959 prese il numero distintivo di 80^.
Dopo una breve permanenza sull'Aeroporto di Padova, nel Luglio 1959 si trasferì nella definitiva sede di Bagnoli di Sopra (Padova).
Divenne 80° Gruppo I.T. nel 1964 con la ristrutturazione della 1^ Aerobrigata.
Dal 1968 partecipò alle campagne annuali di tiro reale presso il poligono di Capo San Lorenzo (NU) e risultò prima classificata negli anni 1980, 1984, 1987, 1992, 1995, 1997 e 1998.
L'80° Gruppo I.T. fu soppresso il 30 Aprile 2008".

Testo tratto dal sito: www.quellidel72.it

www.alangardini.net

Da oggi è possibile visitare il mio nuovo sito www.alangardini.net
Vi aspetto!

Alan

Officine Meccaniche Reggiane







Fondata a Reggio Emilia nel 1901 sotto il nome di Officina Meccanica e Fonderia
e nel 1904 il nome della ditta muta in Società Anonima Officine Reggiane.
Nel 1908 l'azienda si espande e nel 1912 continua l'espansione  
mediante l'acquisizione di altre società e lo stesso anno,
la ditta diventa Reggiane Officine Meccaniche Italiane S.p.a.
L'azienda si espande nel settore ferroviario ma la prima guerra mondiale
favorì il ramo militare,
oltre ad espandere l'attività,
nel 1918 assorbì il Proiettilificio di Modena
ed entra in contatto con il mondo aeronautico
e con la Caproni.
Le Officine Meccaniche Reggiane,
erano infatti tra le ditte impegnate nel massiccio ordine
per i biplani trimotori
da bombardamento Caproni. Di questa commessa
di 300 esemplari
ne venne solo avviata la produzione,
e forse soltanto un esemplare venne assemblato negli stabilimenti
di Reggio Emilia,
con parti provenienti da altri stabilimenti. 
Nel 1920 a causa della crisi, per diversificare l'attività,
con i profitti di guerra, viene assorbita
la Società Anonima Meccanica Lombarda di Monza
che opera nel settore dei mulini e pastifici.
Nel 1928 la ristrutturazione
passa attraverso l'ulteriore diversificazione
con la costruzione di silos
nel settore cerealicolo.
Nel 1933 l'I.R.I. acquisisce la maggioranza azionaria
consentendo il salvataggio almeno degli impianti
di Reggio Emilia e nel 1935 il conte Giovanni Battista Caproni
acquisisce dall'I.R.I. il pacchetto azionario di maggioranza
delle Reggiane.
Durante la seconda guerra mondiale viene avviata
la produzione
di trimotori da bombardamento
e intercettori per la Regia Aeronautica e Regia Marina,
raccogliendo un discreto successo anche internazionale
ma con l'ingresso in guerra dell'Italia a fianco
della Germania molti ordini
non vennero mai formalizzati.
Il 28 luglio 1943 è il giorno dell'Eccidio delle Reggiane.
Nove operai, fra i quali una donna incinta, rimasero uccisi
(Antonio Artioli, Vincenzo Bellocchi, Eugenio Fava, Nello Ferretti,
Armando Grisendi, Gino Menozzi, Osvaldo Notari, Domenica Secchi
e Angelo Tanzi).
Gli operai avevano dato vita, sfidando le disposizioni firmate
da Badoglio ad una manifestazione per chiedere
la fine della guerra.
Stavano uscendo in diverse migliaia dai cancelli dello stabilimento,
procedendo pacificamente e disarmati, quando un battaglione di bersaglieri

aprì il fuoco.
La dinamica è tutt'oggi dubbia, pare che l'ufficiale abbia udito spari
ed abbia perso il controllo della situazione.
L'autunno del 1943 le autorità d'occupazione tedesche fermano l'attività

legata al settore aeronautico.
Il 7 e 8 Gennaio 1944 gli stabilimenti vengono rasi al suolo nel corso

di due bombardamenti alleati.
I macchinari salvatisi dal disastro sono immagazzinati nelle vicinanze

di Reggio Emilia
ed in altre località del nord Italia. Inoltre per sfuggire

ai bombardamenti alleati
che si intensificano la produzione viene decentrata

in numerose località del nord Italia.
Nell'agosto del 1944 le Reggiane subiscono le requisizioni

di macchinari e materiali
dei tedeschi accompagnata dal trasferimento

di una trentina di tecnici in Germania
con il compito di fornire assistenza alla Luftwaffe.
Nel 1945 in seguito alle condizioni di pace imposte dagli alleati,
la divisione aeronautica delle Reggiane cessano di esistere.
Nel 1950 a fronte di un piano di 2100 licenziamenti

inizia la più lunga occupazione
di una fabbrica da parte degli operai della storia italiana:  

iniziata nell'ottobre del 1950, terminerà nell'ottobre del 1951  
quando si procederà alla liquidazione dell'azienda.
Oggi, attiva nella produzione di gru e carrelli per il sollevamento dei container,
è stata rilevata prima dal gruppo Fantuzzi Reggiane e poi acquisita
dalla multinazionale americana Terex.
L'attuale denominazione è Reggiane Cranes and Plants S.p.a.


28 Luglio 1943 L'Eccidio delle Reggiane
Locomotive Reggiane
Caccia Reggiane
Terex